Se questo è un uomo

Riassunto e recensione del libro

Se questo è un uomo

Primo Levi, chimico torinese, aveva ventiquattro anni quando fu catturato dalla milizia fascista alla fine del 1943 e, essendo ebreo oltre che partigiano, consegnato ai nazisti che lo deportarono ad Auschwitz. In questo periodo, il governo tedesco, data la scarsità di manodopera, aveva deciso di sospendere le uccisioni arbitrarie dei singoli e di allungare la vita media dei prigionieri da eliminarsi. E’ forse questa una tra le ragioni per le quali Primo Levi fu una delle quattro persone su quarantacinque contenute nel suo vagone che ha rivisto la sua casa.
La letteratura sui campi di sterminio nazisti, sull’inferno dei Lager, è certamente nutrita, ma questo suo libro, ricco di particolari atroci, testimonianza sconvolgente ed efficacissima, è anche un capolavoro letterario.
“Nulla è più nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascoltassero, non ci capirebbero. Ci toglieranno anche il nome: e se vorremo conservarlo, dovremo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga.”
“Si immagini ora un uomo a cui, insieme con le persone amate, vengano tolti la sua casa, le sue abitudini, i suoi abiti, tutto infine, letteralmente tutto quanto possiede: sarà un uomo vuoto, ridotto a sofferenza e bisogno, dimentico di dignità e discernimento, poiché accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso; tale quindi, che si potrà a cuor leggero decidere della sua vita o morte al di fuori di ogni senso di affinità umana; nel caso più fortunato, in base ad un puro giudizio di utilità. Si comprenderà allora il duplice significato del termine << Campo di annientamento >>, e sarà chiaro che cosa intendiamo esprimere con questa frase: giacere sul fondo.”

“ Eccomi dunque sul fondo. A dare un colpo di spugna al passato e al futuro si impara assai presto, se il bisogno preme. Dopo quindici giorni dall’ingresso, già ho la fame regolamentare, la fame cronica sconosciuta agli uomini liberi, che fa sognare di notte e siede in tutte le membra dei nostri corpi; già ho imparato a non lasciarmi derubare, e se anzi trovo in giro un cucchiaio, uno spago, un bottone di cui mi possa appropriare senza pericolo di punizione, li intasco e li considero miei di pieno diritto. Già mi sono apparse, sul dorso dei piedi, le piaghe torpide che non guariranno. Spingo vagoni, lavoro di pala, mi fiacco alla pioggia , tremo al vento; già il mio stesso corpo non è più mio: ho il ventre gonfio e le membra stecchite, il viso tumido al mattino e incavato a sera; qualcuno fra noi ha la pelle gialla, qualche altro grigia: quando non ci vediamo per tre o quattro giorni, stentiamo a riconoscerci l’un l’altro.”
E’ un libro da leggere e poi ancora rileggere per ricordare l’orrore di quanto accaduto e la disumanità non di mostri, o per lo meno non solo di mostri, ma anche di uomini comuni pronti a credere e obbedire senza discutere; per diffidare di chi vuole convincere con strumenti diversi dalla ragione; per sospettare di tutti i profeti, data la difficoltà di distinguere i veri dai falsi e infine per accontentarsi di verità meno entusiasmanti e più modeste che si conquistano con fatica, con studio, con discussione e ragionamento, senza scorciatoie e un passo alla volta, piuttosto che verità semplici e comode che non costano nulla.

www.my-libraryblog.com

Se questo è un uomo

Se questo è un uomo

Giulio Einaudi Editore.

«Un magnifico libro che non è solo una testimonianza efficacissima, ma ha delle pagine di autentica potenza narrativa». Italo Calvino

Se questo è un uomo

Se questo è un uomo

Se questo è un uomo

Se questo è un uomo

Primo Levi e Se questo è un uomo

Primo Levi e Se questo è un uomo

IL NOSTRO EDITORIALE: SE QUESTO E' UN UOMO

IL NOSTRO EDITORIALE: SE QUESTO E' UN UOMO

2016-11-30 - San Francesco Patrono d'Italia

Mi aiuta in questa riflessione il titolo del romanzo di Primo Levi: "Se questo e' un uomo". Un'opera memorialistica scritta tra il dicembre 1945 ed il gennaio 1947 che rappresenta la testimonianza di quanto vissuto dall'autore nel campo di...

La galassia Primo Levi

2016-12-04 - michele consiglio (Blog)

Se questo è un uomo è pubblicato in due redazioni: oltre alla versione definitiva del 1958 è presentata la rara, o per dir meglio, l'introvabile edizione De Silva del 1947. Inoltre sono riprodotte integralmente tutte le rielaborazioni delle opere più...

Renzi non può lasciarsi frollare

2016-12-10 - Italia Oggi

Se questo è il machiavello di Franceschini e compagnia, si dimostra che si tratta dell'ennesima compagnia di «mezza tacca» democristiana, mai capace di assumere un rilievo di primo piano, magari pronta a governare bene solo un settore (ora pour cause...

Primo Levi un autore per il XXI secolo

Primo Levi un autore per il XXI secolo

2016-11-16 - michele consiglio (Blog)

Nella nuova edizione delle opere ci sono le riduzioni radiofoniche di Se questo è un uomo e La tregua, la versione teatrale del suo primo libro, le tesi di laurea (tesi e sottotesti) in anastatica, e almeno 16 testi dispersi recuperati grazie al...

Commenti

commenti

Top