Libri2020-01-16T17:35:06+00:00

Libri – Le ultime recensioni

Confessioni di una maschera – Yukio Mishima

Confessioni di una maschera

“Confessioni di una maschera”, pubblicato da Feltrinelli, è uno dei primi scritti di Yukio Mishima, scrittore giapponese morto suicida nel 1970. È un libro che ho amato moltissimo e che, nonostante sia del 1949, continua a mantenere la sua potenza, la sua estrema forza. Di chiara ispirazione autobiografica, narra i conflitti più intimi del protagonista nello scoprire la sua omosessualità. Una continua lotta con sé stesso e l’ambiente che lo circonda, uno scontro tra desiderio e morte, tra Eros e Thanatos, tra la pulsione di esistere e quella di soccombere.

“Mentre stavo lì a guardare, fui sopraffatto all’improvviso da un malessere, un tormentoso, inesplicabile malessere. Somigliava al capogiro che avrebbe potuto venirmi dall’osservazione prolungata della sbarra oscillante, ma questo non c’entrava per niente. Doveva trattarsi d’una vertigine mentale, di una irrequietezza in cui il mio intimo equilibrio rischiava di essere distrutto dalla vista di ciascun movimento pericoloso di Omi. E questa mia instabilità era resa ancor più precaria dal fatto che nel suo interno due forze contrarie cercavano di attirarmi, lottando per ottenere la supremazia. Una era l’istinto di conservazione. E la seconda forza – che mirava, anche più profondamente, più strenuamente, alla totale disintegrazione del mio equilibrio interiore – era una spinta al suicidio, quell’impulso sottile e segreto a cui un individuo si arrende spesso inconsciamente.”

Il protagonista ripercorre la sua vita attraverso i ricordi dell’infanzia, poi quelli dell’adolescenza ed infine quelli dell’età di giovane adulto. Potente la lucida confessione delle esperienze che l’hanno portato a conoscersi; intenso il racconto della “diversità” che si cela nel trucco di un bambino che irrompe nel salottino di casa, al cospetto della famiglia, nella forte attrazione per il suo compagno di scuola media Omi, energico e muscoloso, nell’assoluto difetto di desiderio per l’altro sesso. Indossa una maschera disperata perché non può vivere la propria autentica identità, non può accettarsi come uomo differente dagli altri uomini. E quando incontra Sonoko si illude di poter vivere una “normale” storia d’amore, crede di poter rientrare nei canoni della rispettabilità comunemente considerata. Si impegna con lei, tenta di essere come tutti e di provare attrazione per una donna. Ma “le emozioni non hanno simpatia per l’ordine fisso” e nulla cambia nel suo essere, nei suoi sentimenti, nella sua realtà complicata e nascosta dalla maschera degli usi e delle convenienze sociali.

Il secondo conflitto mondiale, scoppiato nel frattempo, acuisce in un certo senso il dissidio, la pena, il senso di fallimento e disperazione del protagonista.

“Nel settembre del 1944, l’anno prima che finisse la guerra, mi diplomai nella scuola che avevo frequentato fin dall’infanzia e m’iscrissi a una certa università. Poiché mio padre non mi consentiva altra scelta, dovetti rassegnarmi a far legge. Ma la decisione non mi costò gran che, convinto com’ero che presto mi avrebbero chiamato sotto le armi e sarei morto in battaglia, e che anche la mia famiglia sarebbe misericordiosamente perita durante un bombardamento aereo, senza che si salvasse un solo membro.”

Una confessione che esplora i meandri più reconditi della persona attraverso una prosa elegante, ritmata e di grandissima sensibilità. Forse il libro migliore di Mishima.

by |Gennaio 14, 2020|

La pioggia gialla – Julio Llamazares

È l'ultimo abitante di Ainielle, un paese abbandonato dei Pirenei sulle montagne di Sobrepuerto. Si chiama Andrés ed è il protagonista di “La pioggia gialla” di Julio Llamazares, pubblicato da Il Saggiatore. Se ne sono andati tutti, tranne lui. Dei pastori e dei contadini, dei giovani e degli anziani, non è rimasto che lui.

by |Ottobre 15th, 2019|

I’m every woman – Liv Strömquist

“I'm every woman” di Liv Strömquist, pubblicato da Fandango editore, è stata una lettura divertente e leggera. Leggera non nel senso di superficiale, ma nel significato più profondo e positivo del termine “leggera”. Liv Strömquist riflette su quel famoso detto secondo il quale dietro ogni grande uomo ci sarebbe una grande donna. E lo fa in modo sfrontato, sarcastico ed estremamente ironico. L’autrice scardina convenzioni, diverge da luoghi comuni, valica modalità di trattazione, eccessivamente “formali”, di argomenti serissimi, come le questioni di genere, risultando efficace ed incisiva.

by |Ottobre 8th, 2019|

Il gatto di piazza Wagner – Diego Lanza

Unica prova narrativa di Diego Lanza, noto invece per la sua fondamentale e copiosa produzione diretta alla comprensione della cultura classica, “Il gatto di piazza Wagner” è un libro prezioso per il suo contenuto e per essere il primo di una nuova collana de L’orma editore, I Trabucchi. Ho pensato all’antica macchina da pesca “che un uomo solo non basta a manovrare”, alla sua imponente costruzione. Ho considerato il meccanismo perfetto e antico del trabucco ed ho immaginato la situazione del gettare le reti per raccogliere non pesci, ma storie, volti, voci di grande valore.

by |Settembre 30th, 2019|

Fuori per sempre – Doris Femminis

Una delle letture più interessanti dell’estate appena trascorsa è stata senza dubbio “Fuori per sempre”, scritto da Doris Femminis e pubblicato da Marcos y Marcos. Nata tra le montagne della Svizzera italiana e con un passato da infermiera, Doris Femminis ha scritto una storia complessa sul delicatissimo argomento delle malattie mentali e degli ospedali psichiatrici. È un romanzo dalle tante voci, dalle numerose storie, dai non sempre comprensibili sentimenti, che si aggrovigliano intorno alla vita della giovane Giulia Borioli.

by |Settembre 19th, 2019|

Jalna – Mazo de la Roche

Non avevo mai sentito parlare di Mazo de la Roche. Mi sono rivolta alla sua biografia: prima donna a vincere il prestigioso Atlantic Monthly Prize, tra le più importanti scrittrici canadesi del ventesimo secolo, vissuta insieme a Caroline Clement, adottata ufficialmente come sorella, figura misteriosa e controversa a tal punto da ispirare il film “The Mystery of Mazo de la Roche”. Tutte queste informazioni mi hanno incuriosito e indotto a leggere il primo libro di una lunga saga familiare, ben sedici volumi, uscito per Fazi nel luglio appena trascorso, dal titolo Jalna. Sin dagli anni Venti, questo romanzo ha conquistato milioni di lettori risultando secondo soltanto a Via col vento. Ora ha conquistato anche me.

by |Settembre 13th, 2019|

Le nostre interviste

1407, 2019

Intervista a Franco Arminio

Franco Arminio - Nell'ambito del "Salento Book Festival" è stato un piacere incontrare Franco Arminio e rivolgergli alcune domande. Come nasce Franco Arminio paesologo? Nasco in un piccolo paese e vivo nel paese in cui sono nato. Mi sono sempre occupato del mio paese. Ad un certo punto ha cominciato a starmi un po’ stretto. Non ho mai creduto nella città e comunque non potendo andare via ho trovato una soluzione di compromesso andandomene a vedere i paesi vicini, andando nei dintorni. È una sorta di viaggio nei dintorni la “paesologia”, per lo meno all’inizio. È nata quindi da una doppia impossibilità: quella di fuggire dal paese e quella di restare.

1106, 2019

Intervista a Eleonora Marangoni

Eleonora Marangoni - Nell'ambito del "Festival Armonia. Narrazioni in Terra d'Otranto" ho avuto il piacere di incontrare Eleonora Marangoni e rivolgerle alcune domande. - Eleonora è un vero piacere incontrarti. Lux è un libro bellissimo che ho letto d’un fiato e per il quale ho girato una videorecensione molto sentita. Vorrei cominciare subito col chiederti una mia curiosità. C’è un momento nella tua vita che puoi definire come quello in cui hai deciso di fare la scrittrice? Un momento preciso no, ma c’è proprio una fase della mia vita. Ho studiato inizialmente a Roma Comunicazione internazionale, poi in Francia Letteratura comparata, poi a New York Visual design. Ho messo tutto insieme e per un po’ di anni ho progettato libri illustrati. In realtà era un modo sghembo di occuparmi di libri, un modo però visivo, prettamente da art director, da grafico, da chi coordina l’interazione tra il testo e le immagini. Ma c’era sempre qualcosa che mancava e che volevo fare. Ho sempre letto e scritto tantissimo, ma esclusivamente per me.

Le ultime novità editoriali

Aforismi, frasi celebri e piccoli passi

Videorecensione di "La rampicante" di Davide Grittani

“La rampicante” di Davide Grittani, pubblicato da LiberAria Editrice , è un piccolo gioiello. Racchiude una trama complessa, ricca di sfumature e contrasti, zeppa di contraddizioni e ambiguità, proprio come la vita. Una scrittura lineare, lucida, a tratti cinica. Ve ne suggerisco fortemente la lettura!Antonella Giustizieri

Pubblicato da My library su Venerdì 24 maggio 2019
Seguimi su Facebook

Fate come gli alberi: cambiate le foglie, ma conservate le radici. Quindi, cambiate le vostre idee ma conservate i vostri princìpi.

Victor Hugo
Le ultime novità editoriali Le nostre ultime recensioniLe recensioni più viste
Sommario
My Library - Recensioni libri e tanto altro...
Titolo
My Library - Recensioni libri e tanto altro...
Descrizione
MyLibraryBlog è uno spazio nato da una profonda passione per il mondo della cultura e della comunicazione digitale. Si propone di incoraggiare la lettura e la libertà di pensiero, sempre nel rispetto delle differenti opinioni altrui.
Autore
Publisher Name
My LibraryBlog
Publisher Logo