Acquista ora

Volevo essere una vedova

Chiara Moscardelli
Editore: Einaudi
In commercio dal: 21 Maggio 2019
Pagine: 216 p.
EAN: 9788806241353

Esce oggi, per Einaudi, il nuovo libro di Chiara Moscardelli dal titolo “Volevo essere una vedova”.

Che cosa può fare l’aspirante gatta morta quando si rende conto di non riuscire nell’impresa? Cambiare strategia è l’unica soluzione.

Avevamo lasciato Chiara all’età di trent’anni senza uno straccio di fidanzato, ed ora la ritroviamo a quarantacinque, esattamente nella medesima situazione. Nessun matrimonio, nessun compagno, nessun figlio. Non era certo questa la vita che mamma e zie avevano previsto per lei! Chiara si racconta, ricordando gli ultimi dieci anni: il trasferimento a Milano dove sperava di trovare l’amore, il lavoro per certi versi ostile, le relazioni sentimentali disastrose. Ma c’è una cosa che le chiedono tutti, ma proprio tutti, anche dentista e ortopedico: cosa sta aspettando ad accasarsi? Non è che ci sia più tanto tempo ormai! Così, all’ennesima domanda, si spaccia per vedova, ottenendo in un baleno uno stato sociale “ben accetto” che non aveva mai avuto prima. In fondo qualcuno se l’era presa, anche se poi è morto!

Ci sarà da ridere…

Nota dell’editore su “Volevo essere una vedova” di Chiara Moscardelli

Chiara Moscardelli voleva essere una gatta morta. Ma quando ha capito che non ci sarebbe mai riuscita, non le è rimasto che cambiare strategia.

«Beato chi sa far ridere, beato chi sa trasformare le proprie disgrazie in materia esilarante, come Chiara Moscardelli» – Brunella Schisa, Il Venerdí di Repubblica

«I libri di Chiara Moscardelli sono altamente terapeutici» – Romana Petri, TTL

Una nuova sferzante ventata di comicità da una delle piú amate scrittrici italiane. «Non ci sono caricature, ma solo il piglio fulminante di un talento comico che stupisce». Che fine ha fatto Chiara, l’aspirante ma mancata gatta morta? L’abbiamo lasciata a trent’anni, senza uno straccio di fidanzato, e la ritroviamo a quarantacinque, ancora single. Com’è potuto accadere? Com’è arrivata a questa età senza sposarsi, fare figli, adeguarsi alla vita che sua madre e le zie, anche quelle degli altri, prevedevano per lei? Per capirlo Chiara si racconta, ai lettori e all’analista, ripercorrendo gli ultimi dieci anni: il trasferimento a Milano, dove sperava di accasarsi e invece ha trovato sciami di gay, il lavoro in una città che per certi versi le è ostile, i disastri sentimentali e il fatto che tutti, ma proprio tutti, persino il dentista o l’ortopedico, continuino a chiederle perché sia sola. Cosí, pur di non essere sottoposta al solito strazio, all’ennesima visita medica decide di spacciarsi per vedova, guadagnandosi uno status finalmente accolto dalla società. Se è vedova, allora qualcuno se l’era presa, anche se poi è morto! Chiara Moscardelli torna a farci morire dal ridere, mentre descrive un mondo che sulla felicità delle donne ha ancora molto da imparare.

Acquista ora
Acquista ora
Acquista ora
Acquista ora
Sommario
Volevo essere una vedova - Chiara Moscardelli
Titolo
Volevo essere una vedova - Chiara Moscardelli
Descrizione
Volevo essere una vedova di Chiara Moscardelli - Esce oggi, per Einaudi editore, il nuovo libro di Chiara Moscardelli dal titolo “Volevo essere una vedova”. Che cosa può fare l’aspirante gatta morta quando si rende conto di non riuscire nell'impresa? Cambiare strategia è l’unica soluzione.
Autore
Publisher Name
My LibraryBlog
Publisher Logo