Le affinità elettive – J. Wolfgang Goethe

2018-03-22T19:26:14+00:00 By |
IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori
IBS Amazon LaFeltrinelli Mondadori

Pubblicato nel 1809, Le affinità elettive è il quarto romanzo di Goethe. Edoardo e Carlotta, innamorati e felici per aver ritrovato il loro antico amore, vivono in tranquillità nella loro tenuta di campagna in maniera agiata. Per la ristrutturazione della loro dimora, Edoardo decide di chiedere aiuto a un suo vecchio amico, il Capitano. Carlotta, sulle prime, teme che l’arrivo in casa di una terza persona possa turbare l’equilibrio raggiunto dopo tante vicissitudini. Ma acconsente a patto che venga anche ad abitare da loro la figliastra Ottilia. I quattro diventano inseparabili; ma la loro non è propriamente amicizia. Ottilia, giovane e spensierata, attrae il non più giovane Edoardo, desideroso di vivere ancora una giovinezza. Il Capitano, uomo colto e maturo, affascina Carlotta. Mentre però Carlotta e il Capitano sono persone pragmatiche e razionali, che pensano alle conseguenze delle loro azioni, Edoardo e Ottilia si lasciano travolgere dai sentimenti. Il Capitano a questo punto lascerà la loro casa per recarsi da un amico, e Carlotta, resasi conto dell’attrazione tra Edoardo ed Ottilia, deciderà di mandarla lontano dalla tenuta, da un’amica che provvederà alla sua educazione…

Il titolo del romanzo deriva da una formula scientifica, cioè dalla caratteristica di alcuni composti chimici secondo la quale due elementi tra loro associati, sottoposti all’azione di altri due elementi, tendono a formare due nuove coppie per reciproca attrazione. Questo succede perché il composto di partenza ha un’affinità maggiore con la nuova specie chimica rispetto all’affinità che aveva con l’altro componente.
Il legame di Carlotta e Edoardo era stabile e saldo unicamente fino a che erano soli. Con l’arrivo del Capitano e di Ottilia il rapporto si rompe per permettere a Edoardo di unirsi ad Ottilia e a Carlotta di legarsi al Capitano.
Un’unione apparentemente indissolubile prima, distrutta dalla passione poi.
Disfacimento della coppia, poli coniugali che si dissaldano, disputa tra passione e dovere, conflitto tra aspirazione alla felicità individuale e rispetto per il matrimonio e per i sentimenti altrui, sono tutti elementi di questa narrazione ricca di poesia e di dialoghi affascinanti. Una metafora sulle passioni e sulle relazioni che nel corso del tempo ha dato vita a differenti interpretazioni. L’epoca in cui fu scritto venne agitata dall’analisi dettagliata che il romanzo fece dell’attrazione e dell’erotismo, scossa dal contrasto tra ragione e sentimento. Precursore del filone di romanzi-capolavoro come Anna Karenina di Tolstoj e Madame Bovary di Flaubert, Le affinità elettive è un romanzo complesso e attuale, come solo un vero classico sa essere.
Ti è piaciuta la recensione de Le affinità elettive di J. Wolfgang Goethe? Condividila su Facebook.

www.my-libraryblog.com

Compra il libro in uno dei più grandi portali italiani!

IBS Amazon LaFeltrinelli Mondadori

Compra il libro in uno dei più grandi portali italiani!

IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori