Il ritratto di Dorian Gray – Oscar Wilde

2007-03-17T00:00:00+00:00 By |
IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori
IBS Amazon LaFeltrinelli Mondadori

Il ritratto di Dorian Gray

Oscar Wilde scrisse il romanzo Il ritratto di Dorian Gray nel 1890, all’età di 36 anni.
Dorian Gray è un ragazzo incantevole, dalla figura e dai lineamenti perfetti. Il pittore Basil Hallward lo elegge a sua fonte di ispirazione proprio perchè ne rimane estremamente colpito. Ed è nello studio di questo artista che Dorian incontra il cinico e carismatico Lord Henry Wotton, il quale gli si rivolge in questo modo:

“Avete un volto meraviglioso, signor Gray, non accigliatevi, lo avete. E la bellezza è un aspetto del genio, è più alta, anzi, del genio, perché non richiede spiegazioni. E’ una delle grandi cose del mondo, come la luce del sole, o come la primavera, o il riflesso nell’acqua cupa di quella conchiglia d’argento che chiamano luna. Su di essa non si può discutere: ha un diritto divino alla sovranità, rende principi coloro che la possiedono. Sorridete? Non sorriderete quando l’avrete perduta… Si dice spesso che la bellezza sia cosa superficiale; può essere, ma non sarà mai superficiale come il pensiero. Per me la bellezza è la meraviglia sovrana. Solo la gente mediocre non giudica dalle apparenze: il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile. Sì, signor Gray, gli dei sono stati benigni con voi, ma gli dei non indugiano a riprendersi quello che danno. Avete solo pochi anni per vivere realmente, perfettamente e pienamente. Quando la gioventù vi abbandonerà, la bellezza si affretterà a seguirla, e allora vi accorgerete a un tratto che non vi sono più trionfi per voi o dovrete contentarvi di quei mediocri trionfi che il ricordo del vostro passato renderà amari più che disfatte. Ogni mese vi avvicina, scomparendo, a qualche cosa di terribile; il tempo è geloso di voi e fa guerra ai vostri gigli e alle vostre rose. Si spegneranno i vostri colori, le vostre guance si incaveranno, gli occhi perderanno il loro lampo; e soffrirete tremendamente.”

Dorian non tollera l’idea che il tempo lo faccia invecchiare e pensa ai quadri del suo amico Basil che invece non muteranno mai. Esprime così il desiderio che i segni inevitabili dello scorrere del tempo e delle esperienze vissute, possano essere rivolti al suo ritratto, e non a sé stesso. Da quel momento, come per incanto, qualsiasi cosa egli faccia, qualunque azione egli compia, i tratti del suo volto muteranno solo nella tela e non toccheranno minimamente la bellezza e la gioventù della sua persona. Mentre il quadro porta i segni dell’età che avanza, l’anima di Dorian porta quelli della progressiva decadenza morale, del crescente declino al quale è giunto, a causa dell’eccessiva dedizione al culto del bello e della superficialità. Il suo ritratto diventa lo specchio dell’anima.
Wilde idolatra la bellezza, l’arte come somma espressione dell’uomo e lo fa, sia nei suoi scritti, sia con la sua condotta anticonformista e antivittoriana. La vita è un’opera d’arte ben riuscita; la vita emula l’arte; la vita è il prodotto dell’arte, secondo Wilde. Da qui la ricerca del piacere da un lato e lo stile di vita disinibito e dissoluto dall’altro.
Questo libro è il simbolo di un’epoca, a ragione identificato come il capolavoro del decadentismo e dell’estetismo. È uno scritto in cui eccelle il contrasto tra apparenza ed essenza, tra ciò che è visibile agli occhi e ciò che è intimamente nascosto dentro ognuno di noi. Geniale nella sua originalità, foriero di innumerevoli riflessioni, cupo nell’indagine psicologica, splendido nel modo in cui è narrato. Uno stile fluido e scorrevolissimo, arguto e abile. Infine, disarmante nella sua attualità.

www.my-libraryblog.com

A te è piaciuta la recensione de Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde? Condividila su Facebook

www.my-libraryblog.com

Compra il libro in uno dei più grandi portali italiani!

IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori