Il gioco dell’angelo – Carlos Ruiz Zafòn

2018-02-19T12:02:54+00:00 By |
IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori
IBS Amazon LaFeltrinelli Mondadori

Il gioco dell'angelo Scritto dallo spagnolo Carlos Ruiz Zafòn, Il gioco dell’angelo è un romanzo del 2008 ambientato nella cupa Barcellona degli anni Venti. David Martin è un giovane che sogna di diventare scrittore. Come molti aspiranti scrittori, lavora come fattorino per un giornale locale, pulisce i macchinari, prepara caffè, vive da subalterno in quel mondo di cui vorrebbe essere il protagonista. Abbandonato dalla madre e con un padre despota che ha visto morire a colpi di pistola davanti ai suoi occhi, Martin vive una vita difficile nell’attesa della sua occasione. Che naturalmente arriverà. Un ricco e potente uomo di Barcellona, Don Pedro Vidal lo accoglie sotto la sua ala protettrice e Martin comincia a pubblicare racconti presso La Voz de la Industria riuscendo in questo modo ad ottenere un discreto successo. Ma da questo momento il giovane scrittore inizia a lavorare ininterrottamente alla ricerca di quella fortuna che, lui non può ancora saperlo, lo renderà malato e schiavo. Per riuscire a mantenere i ritmi serrati richiesti dalla sua qualità di scrittore professionista, si rinchiude all’interno della sua nuova e tetra dimora soprannominata “la casa della torre”. Tutto il suo io verrà assorbito da questa scelta. Perderà la sua innocenza, la sua purezza di fanciullo e persino la sua salute. Manterrà solo qualche rapporto con il vecchio libraio Sempere, il suo mentore Vidal e la giovane Cristina di cui è innamorato. Intanto la sua malattia si aggrava. E dato che ha sempre pubblicato con uno pseudonimo, decide di dedicarsi anima a corpo ad un’opera che porti il suo nome. Nel contempo, per compiacere Cristina, riscrive le bozze del libro che il suo benefattore Vidal sta cercando di concludere da anni.
I due libri vengono pubblicati contemporaneamente, ma mentre quello di Vidal riscuote un enorme successo di critica e pubblico, il suo viene aspramente stroncato. Amareggiato profondamente da questo insuccesso e dalla notizia dell’imminente matrimonio di Cristina con Vidal, decide di accettare l’ambigua proposta di un misterioso editore francese chiamato Andreas Corelli. Una figura sinistra, persino diabolica quella di Corelli il quale, da questo momento in poi, riuscirà a muovere le fila della vita di Martin come un esperto burattinaio. Martin dovrà creare un testo sacro di straordinario valore che tratti di una religione prevalente su tutte le altre, un’opera monumentale e dannatamente difficile in cambio della quale riceverà un enorme compenso in denaro e niente meno che la guarigione dalla sua malattia. Una sorta di patto con il diavolo che lo condurrà a fare i conti con se stesso e la viscerale passione per la scrittura. C’è dentro un po’ di Goethe e un po’ di Wilde in questa narrazione e non me ne dispiace affatto. Zafon ci conduce in una Barcellona surreale e gotica attraverso uno scritto suggestivo e misterioso, popolato da personaggi coinvolgenti ed emozionanti: splendidi il libraio e amico Sempere, una vera luce l’aspirante scrittrice Isabella, umano e divorato dalle sue passioni Martin. Sogni e incubi si intrecciano in maniera così abile da non distinguersi dalla realtà. Potrebbero essere i desideri o forse le illusioni di ciascuno di noi, di chiunque ricerchi la propria realizzazione e il proprio posto nel mondo, scoprendo di essere più fragili e vulnerabili di quanto si fosse creduto. Il gioco dell’angelo è una storia struggente e indimenticabile.

A te è piaciuto Il gioco dell’angelo di Carlos Ruiz Zafòn? Lascia un commento o un link su Facebook

www.my-libraryblog.com

Compra il libro in uno dei più grandi portali italiani!

IBS Amazon LaFeltrinelli Mondadori

Compra il libro in uno dei più grandi portali italiani!

IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori