Il cacciatore di aquiloni

Riassunto e recensione del libro

Il cacciatore di aquiloni

Una storia di amicizia attraverso trent’anni di storia afghana.
C’è stato un tempo in cui Kabul era una città in cui volavano gli aquiloni e in cui i bambini davano loro la caccia. Amir e Hassan hanno trascorso lì la loro infanzia felice e formavano una coppia eccezionale nei tornei cittadini di combattimenti tra aquiloni. Niente al mondo però può cambiare certi dati di fatto: l’uno pashtun, l’altro hazara; l’uno sunnita, l’altro sciita; l’uno padrone, l’altro servo. Amir, il ricco, era il pilota; Hassan, il servo, era il suo secondo. Poi però gli aquiloni non volarono più. E’ una storia di padri e figli, di amicizia e tradimento, di rimorso e redenzione, di fughe e ritorni sullo sfondo di un Afghanistan schiacciato dalla morsa sovietica prima e dai talebani poi. Amir, figlio di un ricco uomo d’affari, viveva con il padre Baba in quella che era considerata da tutti la più bella casa di Wazir Akbar Khan, un nuovo quartiere nella zona nord di Kabul. Anche Hassan viveva con il padre Ali, in una capanna di argilla, all’ombra del nespolo situato all’estremità meridionale del giardino della casa di Baba e Amir. Ma un giorno, sotto gli occhi dell’amico, qualcosa di terribile accadde ad Hassan. Amir commise una colpa terribile e l’armonia tra i due si infranse.
“Sono diventato la persona che sono oggi all’età di dodici anni, in una gelida giornata invernale del 1975. Ricordo il momento preciso: ero accovacciato dietro un muro di argilla mezzo diroccato e sbirciavo di nascosto nel vicolo lungo il torrente ghiacciato. E’ stato tanto tempo fa. Ma non è vero, come dicono molti, che si può seppellire il passato. Il passato si aggrappa con i suoi artigli al presente. Sono ventisei anni che sbircio di nascosto in quel vicolo deserto. Oggi me ne rendo conto.”

Queste le parole di Amir adulto che vive da ormai vent’anni in America, dove è fuggito con il padre. E, quando una telefonata inaspettata lo raggiunge a San Francisco, comprende che deve partire e tornare a casa. Un viaggio di ritorno, un viaggio dentro di sé, un viaggio di espiazione, un viaggio di riscatto. Ricordi assordanti e prorompenti, sensazioni sopite ma mai dimenticate. Ad attenderlo non ci sono però solo i rimorsi e i fantasmi della sua coscienza; quella che una volta era casa e patria è ora una landa desolata, terra di relitti umani e di donne invisibili la cui bellezza non esiste più. Qui avere un padre o un fratello, dopo gli indiscriminati stermini dei talebani, è una vera rarità; qui incrociare il loro sguardo, il più delle volte, significa tortura e morte; qui regnano sgomento e terrore.
Nonostante il finale “americano” e cinematografico (la Dreamworks casa di produzione di Steven Spielberg ne ha acquistato i diritti per trarne un film) è una storia toccante e coinvolgente che vale la pena di leggere e su cui riflettere.

www.my-libraryblog.com

Il cacciatore di aquiloni. La graphic novel

Il cacciatore di aquiloni. La graphic novel

Edizioni Piemme. 2016

Il cacciatore di aquiloni

Il cacciatore di aquiloni

Edizioni Piemme. 2010

Amir e Hassan. L'indimenticabile storia di un'amicizia che supera ogni barriera, un racconto di perdizione e di dolorosa redenzione. E sullo sfondo, i paesaggi, i volti, la cultura di un Paese martoriato dalla violenza e dai conflitti, ma sempre capace di suscitare forti emozioni. Un bestseller universale. Un libro autentico e commovente che è già diventato un classico.

Il cacciatore di aquiloni-Mille splendidi soli. Ediz. speciale illustrata

Il cacciatore di aquiloni-Mille splendidi soli. Ediz. speciale illustrata

E l'eco rispose

E l'eco rispose

Edizioni Piemme. 2013

Si volge per osservarlo, suo fratello, il suo fedele alleato, ma il viso di lui è troppo vicino e non riesce a vederlo per intero. Non le importa. Le basta stare con lui, e mentre il sonno lentamente la trascina lontano, si sente immersa in un'onda di calma assoluta. Chiude gli occhi e si assopisce, serena, lì, dove tutto è limpido, radioso, racchiuso in un unico istante.

Marc Forster

Marc Forster

2016-11-30 - Ecodelcinema

Ma è nel 2007 che sentiamo parlare davvero di questo regista, quando porta sul grande schermo il best-seller internazionale di Khaled Hosseini, “Il cacciatore di aquiloni”. Il lungometraggio non riceve candidature all'Oscar, ma gode del successo avuto...

Il cacciatore di aquiloni: tra gioco e crudeltà

Il cacciatore di aquiloni: tra gioco e crudeltà

2016-03-03 - Foggia ZON (Comunicati Stampa)

Siamo a Kabul, nel 1971; Hassan e suo padre Alì lavorano come domestici nella casa di Baba e suo figlio Amir. Amir e Hassan, nonostante le loro diverse estrazioni sociali, sono molto amici, condividono i loro giochi e i loro sogni. Il loro momento...

Com'è il romanzo di Elliot Ackerman

Com'è il romanzo di Elliot Ackerman

2016-04-03 - Il Post

Prima che torni la pioggia è il primo romanzo di Elliot Ackerman, un capitano dei marines in congedo. Ackerman ha combattuto in Afghanistan – guerra che racconta nel suo romanzo – e in Iraq ricevendo decorazioni, e nel 2005 ha guidato un contingente di...

Khaled Hosseini, l'autore de “Il cacciatore di aquiloni” torna con “E l ...

Khaled Hosseini, l'autore de “Il cacciatore di aquiloni” torna con “E l ...

2013-08-23 - DaringToDo: Quotidiano di Arte, Informazione Culturale e

Il nuovo romanzo dell'autore afgano, Khaled Hosseini capace di vendere 40 milioni di copie in 70 paesi diversi ed è il più complesso e universale racconto che l'autore ha scritto. Dopo sei anni di lavoro la storia della famiglia multi-generazionale è...

Commenti

commenti

Top