Fango

Riassunto e recensione del libro

FangoNiccolò Ammaniti ha scritto e pubblicato Fango nel 1996.
A metà degli anni novanta un gruppo di giovani scrittori italiani, tra cui Ammaniti, venne etichettato con la definizione di cannibali per l’efferatezza e la violenza dei loro racconti. E’ il cosiddetto genere pulp la cui origine risale ai primi anni venti con storie pubblicate a puntate sulle riviste denominate Pulp magazine. Avevano delle copertine molto belle, ma la carta utilizzata per le pagine interne non era rifilata, ma di polpa di legno (da qui pulp ) e dunque di qualità molto scarsa. Numerosi adattamenti cinematografici sono stati tratti negli anni quaranta proprio da questi racconti a puntate fino ad arrivare al pulp di oggi che, soprattutto dopo il film di Quentin Tarantino Pulp Fiction, ha esteso il suo significato a tutto ciò che propone contenuti forti, situazioni macabre o crimini violenti e assurdi. Tutto questo per dirvi del genere letterario a cui Fango appartiene e di quanto possano essere crudi gli avvenimenti in esso narrati.
Fango è composto da sette racconti in cui le abilità straordinarie di Ammaniti di intreccio e di creazione di storie ai limiti della realtà ti lasciano senza fiato.
Il primo racconto, il più lungo dei sette, L’ultimo capodanno dell’umanità, comincia con il presentarci tutti i personaggi, riuniti in un comprensorio sulla Cassia, con quei particolari grotteschi e tragici che caratterizzano la nostra società, priva ormai di veri sentimenti e valori. La violenza cieca è l’elemento di spicco che schiaccia qualunque cosa o persona e il finale è davvero esplosivo.
Follia lucida e spietata fanno di Rispetto il racconto forse più agghiacciante con la descrizione della serata trascorsa in discoteca da tre giovani e del loro “anonimo” ritorno a casa.
A Londra è invece ambientato Ti sogno, con terrore che narra dell’ossessione di una giovane studentessa tormentata da continui sogni erotici che la ritraggono insieme al suo ex. Un ex fidanzato che, proprio in coincidenza di quei sogni, diventa il principale indiziato di alcuni efferati delitti avvenuti tempo prima a Roma.
E come non essere coinvolti da Fango (Vivere e morire al Prenestino) e dal tragico epilogo della storia del giovane gangster Albertino. Quasi una trasposizione delle storie di Quentin Tarantino nella realtà della periferia romana, narrata con un non comune senso del ritmo.
Angosciante e claustrofobico è Carta in cui gli addetti alla disinfestazione della Usl entrano nell’appartamento di una donna dalla mente confusa dal dolore e dalla solitudine e “portano a termine” il loro lavoro.
Più leggero, ma surreale è Ferro che racconta la vicenda di un giovane che, alla ricerca di sesso a pagamento, si imbatte in una famiglia molto originale.
E infine Lo zoologo che mi è particolarmente caro con la sua vena comica, o forse ridicola, mette in luce una parte del mondo universitario e qualche suo geniale studente.

Un libro forte, sotto tutti i punti di vista. La fantasia vulcanica dell’autore con le sue storie che sembrano strade di un labirinto, ma che poi quasi per magia confluiscono in un sol punto, i personaggi caratterizzati con abilità dal punto di vista psicologico, l’incomparabile vena grottesca e tragica insieme fanno di Ammaniti e del suo appassionante e avvincente modo di raccontare uno straordinario esempio di giovane scrittore meritevole di successo e fama.

www.my-libraryblog.com

Fango

Fango

Edizioni Mondadori. 2013

Sette storie fantasiose e scatenate da uno dei più promettenti narratori dell'ultima generazione.

Branchie

Branchie

Giulio Einaudi Editore. 2010

Le avventure di Marco Donati dalla Roma minimalista di Campo de' Fiori all'India vorticosa dell'orrendo Subotnik. Tra Alice di Lewis Carroll e i film di arti marziali, un gioiello di felicità narrativa, già culto della sua generazione.

Anna

Anna

Giulio Einaudi Editore. 2015

«La vita non ci appartiene, ci attraversa».

Io e te

Io e te

Giulio Einaudi Editore. 2010

Una cantina. Una bugia innocente. L'idea strampalata di una settimana bianca nelle viscere del proprio palazzo. E l'arrivo improvviso di una sconosciuta. Con una manciata di ingredienti Ammaniti costruisce un racconto di fulminea precisione sul piú semplice e imperscrutabile dei misteri: come diventare grandi.

“Fango” di Niccolò Ammaniti: una raccolta di racconti su una festosa ...

“Fango” di Niccolò Ammaniti: una raccolta di racconti su una festosa ...

2016-01-02 - Oubliette Magazine

leggere “L'ultimo capodanno dell'umanità” di Niccolò Ammaniti, da cui nel 1998 è stato tratto il film di Marco Risi. Ma lo scritto non è più disponibile in singola edizione. È stato accorpato a “Fango”: la raccolta di racconti che lo scrittore...

Niccolò Ammaniti: i 50 anni dell'ex “cannibale”

Niccolò Ammaniti: i 50 anni dell'ex “cannibale”

2016-09-24 - IO donna

Intanto, Ammaniti scrive i racconti confluiti in Fango (Mondadori), in particolare quel L'ultimo capodanno dell'umanità che, qualche anno dopo (nel 1998), Marco Risi utilizzerà per l'omonimo film (alla cui sceneggiatura partecipa lo stesso Ammaniti),...

Niccolò Ammaniti: la sua officina creativa all'Archivolto

Niccolò Ammaniti: la sua officina creativa all'Archivolto

2016-02-29 - mentelocale.it

Niccolò Ammaniti (Roma 1966), Premio Strega nel 2007 per Come Dio Comanda, ha esordito diciottenne con il romanzo Branchie e nel 1996 ha partecipato all'antologia di racconti pubblicata da Einaudi Gioventù cannibale, che ha fatto emergere una nuova...

"Quanta paura fa diventare grandi?", Niccolò Ammaniti al Forum ...

"Quanta paura fa diventare grandi?", Niccolò Ammaniti al Forum ...

2016-01-31 - ModenaToday

Niccolò Ammaniti (Roma, 1966) ha pubblicato “Fango” (1996, 2014), “Branchie” (1997, 2006, 2015), “Ti prendo e ti porto via” (1999, 2014), “Io non ho paura” (2001, 2014), “Come Dio comanda” (2006), “Che la festa cominci” (2009, 2015), Io e te (2010) e...

Commenti

commenti

Top