Eleanor Oliphant sta benissimo – Gail Honeyman

2018-09-10T18:51:57+00:00 By |
IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori
IBS Amazon LaFeltrinelli Mondadori

Eleanor Oliphant sta benissimo – Edito Garzanti, Eleanor Oliphant sta benissimo è l’esordio letterario della scozzese Gail Honeyman. Vincitore del premio Costa First Novel Award si è rivelato un vero e proprio caso editoriale.
La protagonista Eleanor sta bene, anzi benissimo, come recita la copertina. Lavora nello stesso ufficio da nove anni e nessuno le chiede mai informazioni su che tipo di lavoro svolga. Ma non si lamenta. È anzi contenta di non doversi addentrare nei dettagli tortuosi delle note di credito.

Adesso ho quasi trent’anni e lavoro qui da quando ne avevo ventuno. Bob, il proprietario, mi ha assunto poco dopo l’inizio dell’attività. Immagino che provasse pena per me. Avevo una laurea in lettere classiche e nessuna esperienza di lavoro degna di nota, e al colloquio mi ero presentata con un occhio nero, due denti mancanti e un braccio rotto. Forse, a quell’epoca, aveva subodorato che non avrei mai aspirato a qualcosa di più di un lavoro d’ufficio mal pagato, che mi sarei accontentata di stare nella sua agenzia e gli avrei risparmiato la scocciatura di dover ingaggiare una sostituta. Forse aveva anche intuito che non avrei mai preso dei giorni liberi per andare in luna di miele e non avrei mai chiesto un congedo per maternità.
Non lo so.




Durante la pausa pranzo si dedica alle parole crociate e a fine giornata torna a casa a prendersi cura di Polly, la sua piantina. C’è solo un giorno della settimana che la inquieta. Ogni mercoledì infatti arriva la telefonata di sua madre che la chiama dal carcere. È in quei momenti che la cicatrice sul volto di Eleanor torna a rivivere e a dolere più che mai. Ma non dura molto perché lei non lo consente. E se infatti le si chiede come sta, noi ormai conosciamo la risposta: Eleonor Oliphant sta benissimo.

Ma Eleanor porta sul corpo, e ancor più nell’anima, i segni di un indicibile trauma infantile, di un dolore inesprimibile, di una frattura insanabile. È sola al mondo. L’unica visita periodica è quella dell’assistente sociale. Il venerdì, dopo il lavoro, acquista due grandi bottiglie di vodka che consumerà durante il week end, distribuendola nei vari momenti della giornata, in modo da non essere mai né ubriaca, né sobria.
Eppure Eleanor è una persona di cultura, caratterizzata da grandi conoscenze, da spiccata intelligenza, da avveduta organizzazione, ma comunica senza filtri, spiazzando chi le sta di fronte, in modo quasi fanciullesco, senza riguardo per alcuno. E questo, naturalmente, da un lato la rende divertente, dall’altro piuttosto irritante.
Un giorno fa la conoscenza di Raymond Gibbons, l’help desk dell’azienda per cui lavora e tutto, molto lentamente, cambia. Una trasformazione a cui contribuisce anche un anziano signore il quale, soccorso in strada a causa di un malore, entra a far parte della sua vita.
Questo romanzo rappresenta il percorso di un cambiamento che parte dall’esterno, dall’aspetto esteriore, per giungere nell’intimo, nel cuore e nell’animo.



È un libro ben scritto che apre alla speranza, alla forza della gentilezza, alla potenza dell’amicizia e del calore umano. Un gesto, a volte è sufficiente un semplice gesto, una piccola premura, uno sguardo di approvazione, un’amorevole e disinteressata carezza a muovere i fili di un rinnovamento insperato. Affronta la solitudine e la difficoltà di comunicare, una vera piaga del nostro tempo in cui siamo tutti formalmente connessi e sostanzialmente isolati. Uno stile scorrevole ed elegante contribuisce a rendere piacevole ed accattivante la lettura. E tuttavia, nonostante l’abbia molto apprezzato, non riesco a comprendere le proporzioni del “fenomeno Oliphant”, a spiegare le voci che ne fanno un capolavoro. Mi sento senz’altro di consigliarlo, ma nel contempo sento di suggerire di fare attenzione alle proprie aspettative. Evidentemente io ne avevo troppe.
Non resta che leggere per farsene un’opinione personale.

A te è piaciuta la recensione di Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman? Condividila su Facebook

www.my-libraryblog.com

Acquista ora

Acquista ora

Acquista ora

Compra il libro in uno dei più grandi portali italiani!

IBS Amazon
LaFeltrinelli Mondadori